Dopo un estenuante e contraddittorio flusso di notizie contrastanti, finalmente è possibile confermare che nel cosiddetto “Decreto rilancio” (prima denominato  decreto di Aprile e poi decreto di Maggio)  è stato infine reinserito con alcune modifiche anche l’articolo 205 che nell’ultima bozza era improvvisamente spartito.

Tale articolo contiene contiene un pacchetto di misure per la mobilità sostenibile, compresi gli incentivi per l’acquisto di biciclette (anche a pedalata assistita ed  altri veicoli per la micromobilità alternativa) per residenti nelle città metropolitane e aree urbane con più di 50mila abitanti” (poco più di 20 milioni di cittadini).

L’incentivo è pari al 60% del prezzo di acquisto con un massimo di 500 euro e sarà “retroattivo”, cioè valido anche per tutti gli acquisti già effettuati a partire dal 4 maggio 2020 (e fino al 31 dicembre 2020)

Considerando che l’importo messo a disposizione è di 120 milioni di euro, il numero minimo di veicoli che potranno essere incentivati con l’intero bonus è di 240.000 .

In pratica, per sfruttare l’intero incentivo bisogna spendere almeno 833 euro.

Rimaniamo in attesa di conoscere i dettagli contenuti nel decreto relativamente alle modalità operative che saranno emanate per usufruire degli incentivi.

Purtroppo il testo ufficiale del Decreto Rilancio non è ancora disponibile sul sito ufficiale del Governo: al momento ci si può riallacciare soltanto alle cifre annunciate ieri dall’esecutivo.

Una volta reso pubblico, a disposizione quindi dei cittadini e della stampa, il decreto dovrà comunque passare sotto le Forche Caudine del Parlamento, dove ad attenderlo (è quasi certo) ci saranno montagne di emendamenti presentati dall’opposizione e dalla maggioranza.

Secured By miniOrange